What you can see with a 7$ usb microscope

75x magnification of a 3d printed part, a samsung amoled screed, ink on paper, waterproof fabric of a backpack, the lcd screen of a laptop, printed paper green.
Uses of a cheap digital microscope(7-15€ from aliexpress, 50-500x):

  • find and compare printing resolution of 3d printed parts
  • find and compare printing resolution of paper printers
  • find the best pen
  • compare graphite hardness of pencils
  • find and compare screen resolutions
  • find short circuits on PCBs
  • see how tight is a tissue and how behaves with water
  • compare roughness of materials

Capire gli informatici: Il computer

Chi lavora nell’informatica tende ad avere valori diversi dalla società civile, o perlomeno della società convenzionale.
Non sono valori, così, inventati, ma conseguenza di come si lavora con i computer, che per gli informatici sono “macchine”.

Quando hai a che fare con un computer come programmatore è come avere il coltello dalla parte del manico, sei libero di fare ciò che vuoi nel computer, e il computer eseguirà ciò che gli dici. Alla lettera.
Questo è il motivo per cui i programmatori tendono a definire il loro computer “macchina” o “bestia”, perchè è semplicemente un mezzo per il lavoro, alla pari di un trattore, ed è molto più potente e stupido del programmatore, da cui “bestia”.

photo104481015576242774Programmare è un attività che per molti versi è simile all’edilizia, alla scrittura e all’investigazione.
Gran parte del tempo non è speso nel scrivere il codice, ma progettarlo, documentarlo e capire cosa non va, e il trovare le cause degli errori può essere degno di un giallo.

Il goal è quello di domare la bestia e fargli fare quello che vuole il padrone.
Diventarne padroni, pilota e progettista.
La struttura dei file e delle cartelle tende ad assomigliare all’architettura di una casa, personalizzare la barra delle applicazioni è una cosa seria come arredare la propria stanza.
E non si può solo gestire i file.
Si possono impostare degli script, una serie di azioni ricorrenti o su ordinazione, per sincronizzare i file tra cartelle, gestire i collegamenti con dispositivi remoti, avviare automaticamente i programmi e non ci sono limiti alla fantasia.

nautilusAd esempio adesso sto usando un portatile, che è collegato ad un altro schermo più grande, con a disposizione quattro hard disk, di cui 2 in remoto, non tramite cloud, ma accessibili in modo trasparente come se fossero lo stesso hard disk.

Inoltre dal portatile posso eseguire script tramite ssh su tutti i computer accesi che possiedo.
In pratica non uso chiavette usb in casa per passare dati avanti e indietro da qualche anno.

Gli script fanno tutte le azioni ripetive che dovrei fare ogni volta. All’avvio si aprono tutti i programmi che mi servono a seconda se sono a casa o al lavoro, si collega e sincronizza con gli altri computer, e mi dice Benvenuto(why not?)

welcome1.png

inutile dire che l’immagine di sfondo è stata generata con javascript 😀

Sorprendentemente, in genere agli informatici non importa più di avere un mega computer, ma piuttosto più computer con un buon rapporto qualità prezzo, un buon router e connessione ad internet più veloce possibile.
I vecchi computer diventano server e svolgono scopi utili come fornire file, pagine web o applicazioni, i migliori vengono usati direttamente come postazione privilegiata, con la possibilità sempre di accedere a tutti con cellulari o tablet.

Ovviamente, se ci sono le possibilità economiche, il primo pensiero è quello di migliorare il computer. Dopo tutto è il mezzo principale di lavoro, e aspettare di meno significa anche fare di più.

Adesso spero che abbiate una visione più chiara su che cos’è il computer per un informatico.
È come il bastone per il mago!

1h required to publish an Android app

Developers must provide

  • title of 30 characters
  • short description 80 characters
  • full description 4000 characters
  • provide a translation of any title and description in any language choosen
  • 2 screenshots for phone 4″ e 5″
  • 2 screenshots for tablet 7″ e 10″
  • 1 screenshot for android tv
  • 1 screenshot for android wear (if you see a question “how do i do a screenshot of my smartwatch is probably a developer”)
  • 1 high res icon 512×512 32bit PGN(with alpha)
  • feature graphic 1024×500 JPG
  • choose an application type
  • choose category
  • complete a questionnaire about content rating (10-30 questions)
  • provide an e-mail
  • provide a privacy policy is app uses private data
  • say if it is ad supported

 

Things that shouldn’t miss in an Arduino starter kit

Arduino is a perfect platform for beginners to start wetting themselves with electronics and a starter kit should include all tools of the trade to begin making electronics projects.

A good candidate to be included in a starter kit should be:

  • indeed used in most electronics products
  • as cheap as possible
  • easy to use
  • well documented

To refine it better I consider a part a good one if it is available for <5€, huge number of produced pieces per year and exist example code for Arduino 🙂

So here my dream kit – bold means essential, italic means nice to have-:

  • Arduino Uno or Nano
    Derivative boards are alright.
  • Usb cable
  • Led 4 or 5mm any color
    consider 100pieces sets
  • Resistor kit
    5% accuracy or finer is alright.
    consider 1000+ pieces sets
  • Capacitor kit
    no need for high capacitance, just until 470uF.
    consider 1000+pieces sets
    Better electrolytic.
  • L293d DIP IC
    to drive small motors in a more complex way
  • Piezo buzzer 5v
    to make beeping sounds.
    consider 10 pieces sets
  • Tact switch buttons
    consider 100 pieces sets
  • Switches
    consider 100 pieces sets
  • Breadboard 400pt
  • Jumper MM & FF & MF
    wires to connect things, male and female pins.
    consider 60-65 pieces sets
  • Diodes 1n4007
    force current to go only in one direction
    consider 100 pieces sets
  • 74HC595
    8 bit shift register answers the question “how I can get more pins?”
    consider 20-100 pieces sets
  • NE555 timer
    Simple IC that blink an LED with interval settable with a resistor and a capacitor.
    consider 20-100 pieces sets
  • L9110 motor driver module
    to drive small dc motors
  • HC-SR04
    ultrasonic rangefinder
  • DHT11 temperature & humidity sensor
  • MPU 6050 Gyro+Accellerometer
  • Photoresistors
    to sense light
    consider 100 pieces sets
  • Thermoresistors
    to sense themperature
    consider 100 pieces sets
  • Potentiometers
  • Led RGB
    consider 100 pieces sets
  • IR receiver + IR led or remote
  • Relay module
  • 28BYJ-48 5v stepper + ULN2003 driver
    a small cheap stepper motor

These are the parts I really used this year, and are fun or interesting to use:)

Aliexpress Developments Boards part 4

ATmega2560 by RobotDyn
Screenshot from 2015-12-20 22:51:57

At 5.53€ this is indeed a board comparable to the Arduino Mega, with a microUsb connector and can be powered by a lipo battery, even tough it lacks any logic of power management, except a 6-12v regulator.
Can provide 800mA at 5v adn 350mA at 3.3v.
This is an interesting board for robots, expendable sensor central to place outside or just an handy board to try the ATmega.

WiFiMCU EMW3165

Screenshot from 2015-12-20 23:08:52.png

If you already tried the Nodemcu v1.0, you should be already in love with the version based on the ESP8266.
Anyway this board aims to deal with the limitations of the ESP, with 22GPIO pins instead of 10, and a slightly more powerful chip.

ADS1115 16bit ADC

Screenshot from 2015-12-20 23:30:16.png

If you ever had the feeling that the microcontroller you are using is lacking on analog pins, this is a 3.50€ budget solution that will give you access to 4 deluxe 16bit resolution analog pins.
16bit resolution means results that go from 0 to 65536, and this chip can gather 860 samples per second, from 4 pin at the same time.
It has also a programmable voltage range, which means you can get all the precision in a narrow range of 0.256v or have a range of 6.144v.
It is friendly to use with all microcontrollers that can use I2C, and can also signal when data is ready, can be reconfigured on the fly, and drinks 0.15mA at full use.

Android phone as a security camera

Do you want an high end wi-fi, gsm, gps, 3G enabled security system, easy to setup, low maintenance, black out proof?
Use old android phones as security webcams with easy to use apps!internet printer

You absolutely don’t need the newest phones, even old used android phone are good as their cameras!
Android phones can be got for about 40€ used, and even phones with broken screens are good, as long as you can install apps on them.
As comparison professional Wi-Fi IP cameras have a price between 20 and 80€ depending on optionals, and all require memory storage and power management, sold separately, which is included in smartphones.
Low performance battery isn’t an issue, you will want to run them tethered to a usb cable, to get steady current all day, and even 10minutes of battery is enough to bridge a temporary black out or tell you there has been a black out in your home.

The app Tasker, can be used with IP Webcam app to trigger events, like playing sounds, light up the led, make a call or whatever a phone can do.
You can set up also custom if-then rules with tasker, like send you a sms in case of low battery as it is a probable black out and the wifi router will be offline.
Screenshot from 2015-12-20 19:07:40.png

The IP Webcam Pro app can stream the camera and offer a nice control panel which lets you zoom in, toggle the flashlight, get an higher quality stream and see log of sensor data. Sensor data include GPS, accellerometer and magnetometer.
It offers also the ability to snap photos, continuous registration on the device, preview and download what has registered and register sounds.

Screenshot from 2015-12-20 19:09:25.png

To mount phones i recommend to fix them near doors and windows, three nails or a custom 3d printed holder. Nails not on the phone, around it…

In order to get the stream outside local network, you must configure the router to have port forwarding enabled to the address of the smartphone, and even better would be to have a Dynamic DNS domain name registered, from web services like DuckDNS, NoIP, DynDNS.
Then you will be able to get data from the outside network!
Be sure to set up a password to the webcam, as if you don’t do it others will be able to snoop into your home using your security system.

Manna capitolo 1

A seconda di come si vuole pensare a questo proposito, è stato divertente o inevitabile o simbolico che la conquista dei robot non è stata iniziata presso il MIT, la NASA, Microsoft o Ford. È iniziata in un ristorante Burger-G a Cary, Nord Carolina, il 17 maggio. Sembrava una cosa così semplice, al momento, ma il 17 maggio ha segnato un momento cruciale nella storia umana.

Burger-G era una catena di fast food che era venuta fuori dal nulla a partire dal suo primo ristorante in una piccola città, Cary. La catena Burger-G aveva un atteggiamento e uno stile che sembrava “allegro” e “divertente” per una gran parte della classe media americana. La catena è stata in grado di crescere con una velocità sorprendente sulla base della sua popolarità e il personaggio pubblico del giovane fondatore, Joe Garcia. Nel corso del tempo, Burger-G è cresciuta a 1.000 punti vendita negli Stati Uniti e non ha mostrato segni di rallentamento. Se la tendenza fosse proseguita, Burger-G presto sarebbe una delle “Top 5” fast food negli Stati Uniti.

Il “robot” installato in questo primo ristorante Burger-G sembrava niente come i robot della cultura popolare. Non era ominide come C-3PO o futuristico come R2-D2 o industriale come un robot catena di montaggio. Invece si trattava semplicemente di un PC seduto nel retrobottega  del ristorante, che eseguiva un pezzo di software. Il software è stato chiamato “Manna”, versione 1.0.

Il compito di Manna è stato quello di gestire il magazzino, e lo ha fatto in un modo più interessante. Pensate a un normale ristorante fast food. Un gruppo di dipendenti lavora nel negozio, tipicamente 50 persone in un ristorante normale, e hanno i turni su un programma settimanale. Le persone fanno tutto, dal fare gli hamburger a prendere gli ordini per pulire i tavoli e portare fuori la spazzatura. Tutti questi dipendenti rispondono al responsabile del negozio e un paio di assistenti di direzione. I dirigenti assumono dipendenti, li gestiscono e dicono loro cosa fare ogni giorno. Questa era una disposizione del tutto normale. Nei primi anni del ventunesimo secolo, ci sono stati milioni di aziende che hanno operato in questo modo.

Ma l’industria del fast food aveva un problema, e Burger-G non era diverso. Il problema era la qualità dell’esperienza nei fast food. Alcuni ristoranti avevano un servizio eccellente. Avevano del personale cortese e premuroso, servizi igienici puliti, ottimo servizio clienti e un’elevata precisione sugli ordini. Altri ristoranti erano caotici e scomodi per i clienti. Dal momento che una brutta esperienza potrebbe far si che un cliente iniziasse ad evitare un’intera catena di ristoranti, questi negozi mal gestiti sono il tallone d’Achille di qualsiasi catena.

Per risolvere il problema, Burger-G parlò con un consulente di software e commissionò un pezzo di software. L’obiettivo del software era quello di sostituire i manager e dire ai dipendenti cosa fare in un modo più controllabile. Manna versione 1.0 è nato.

Manna fu collegato ai registratori di cassa, quindi sapeva quante persone stavano fluendo nel il ristorante. Il software potrebbe quindi prevedere con inquietante accuratezza quando i bidoni sarebbero stati pieni, i bagni sporchi e cosa mancasse in magazzino. Il software prendeva l’ora da internet, quindi sapeva chi lavorava nel ristorante. Manna ha avuto anche “pulsanti di aiuto” in tutto il ristorante. I clienti o il personale potevano premere i pulsanti se avevano bisogno di aiuto o visto un problema. C’era un pulsante nel bagno che un cliente può premere se mancava carta igienica. C’era un pulsante su ogni cestino. C’era un pulsante vicino ogni registratore di cassa, uno nella zona per bambini e così via. Questi pulsanti permettono ai clienti di dire a Manna direttamente se qualcosa non va.

In ogni momento Manna aveva una lista di cose da fare. C’erano gli ordini provenienti dai registratori di cassa, così Manna coordinava i collaboratori per preparare quei pasti. C’erano servizi igienici da pulire su base regolare, pavimenti per assorbire, tavoli da sparecchiare, marciapiedi da spazzare, panini da scongelare, l’inventario da riempire, finestre da lavare e così via. Manna teneva traccia delle centinaia di compiti che dovevano essere fatti, e assegnava ogni attività a ciascun dipendente, uno alla volta.

Manna diceva ai dipendenti che cosa fare, semplicemente parlando con loro. I dipendenti si mettevano un auricolare quando iniziava il turno. Manna avevano un sintetizzatore vocale, e con la sua voce sintetizzata Manna ha detto a tutti esattamente cosa fare con le loro cuffie. Proprio come un navigatore satellitare. Costantemente. Manna gestiva nei minimi dettagli dipendenti pagati il minimo sindacale per creare prestazione perfetta.

Il software parlava ai dipendenti individualmente e diceva a ciascuno esattamente cosa fare. Ad esempio, “Bob, abbiamo bisogno di caricare più tortini. Per favore vai verso il freezer.”

Oppure, “Jane, quando hai finito con questo cliente, per favore chiudi la cassa. Poi c’è da pulire il bagno delle donne”.

Eccetera. I dipendenti sapevano esattamente cosa fare, e lo facevano abbastanza felicemente. E ‘stato un grande sollievo in realtà, perché il software diceva loro esattamente cosa fare, passo dopo passo.

Ad esempio, quando Jane entrò nel bagno, Manna utilizzava un semplice sistema di tracciamento posizione integrato nel suo auricolare per sapere se lei era arrivata. Manna poi le diceva il primo passo.

Manna: “Metti il cono di avvertimento ‘pavimento bagnato’ fuori dalla porta per favore.”

Quando Jane aveva completato il compito, avrebbe pronunciato la parola “OK” nella sua cuffia e Manna sarebbe entrato nella fase successiva della procedura di pulizia bagno.

Manna: “per favore blocca la porta aperta con chiavistello.”

Jane: “OK.”

Manna: “prendi il secchio e straccio dall’armadio delle scorte.”

Jane: “OK.”

Eccetera.

Una volta che il bagno era pulito, Manna avrebbe aiutato Jane a mettere via tutto. Manna avrebbe fatto in modo che lei si lavasse accuratamente le mani. Poi Manna avrebbe immediatamente chiesto a Jane di lavorare su una nuova attività. Nel frattempo, Manna avrebbe inviato Lisa al bagno per ispezionare e verificare che Jane avesse fatto un lavoro approfondito. Manna avrebbe chiesto a Lisa di controllare i servizi igienici, il pavimento, il lavandino e gli specchi. Se Jane avesse dimenticato qualcosa, Lisa lo avrebbe segnalato.

Sono cresciuto a Cary, Carolina del Nord. E ‘stato tanto tempo fa, ma quando ero un bambino ho vissuto proprio nel bel mezzo di Cary con i miei genitori. Mio padre era un pilota di una grande compagnia aerea. Mia madre era una mamma casalinga e ho avuto una sorella più piccola. Abbiamo vissuto in una tipica casa di periferia quattro camere da letto in un bel quartiere con una piscina nel cortile di casa. Ero un adolescente di 15 anni che lavora al Burger-G, il 17 maggio, quando il primo sistema di Manna iniziò a funzionare.

Mi ricordo quando indossai le cuffie per la prima volta e il computer iniziò a parlare con me e dirmi cosa fare. E ‘stato inquietante in un primo momento, ma la sensazione durò solo un giorno o due. Poi mi abituai, e il lavoro fu davvero più facile. Manna non vi avrebbe mai messo fretta, o mai urlato dietro. Le ragazze lo apprezzavano perché Manna non gli avrebbe mai fatto avanches o altre cose imbarazzanti. Manna semplicemente ti chiedeva di fare qualcosa, lo facevi, dicevi “ok” e Manna ti chiedeva di fare il passo successivo. Ogni passo era facile. Si poteva fare l’intera giornata con il pilota automatico, e Manna avrebbe fatto in modo che ci fosse sempre qualcosa da fare. Alla fine del turno Manna diceva sempre la stessa cosa. “Per oggi hai fatto tutto. Grazie per il vostro aiuto.” Poi ci si toglie la cuffia e si rimette sulla griglia per la ricarica. I primi minuti senza la cuffia erano sempre disorientanti – c’era sempre questa voce nella tua testa che ti diceva esattamente cosa fare nei minimi dettagli per sei o otto ore. Si doveva riaccendere il cervello per uscire dal ristorante.

Per me, Manna era OK. Il lavoro a Burger-G era alienante, e Manna lo ha reso facile dicendovi esattamente cosa fare. Si poteva anche chiedere a Manna di riprodurre la musica attraverso le cuffie, a basso volume. Manna aveva un bel pò di radio che si poteva scegliere. Che era un bonus. E Manna ti teneva occupato l’intera giornata. Ogni singolo minuto, avevo qualcosa che Manna diceva di fare. Spegnevo semplicemente il cervello e senza dover pensare, il giorno passava molto in fretta.

Mio padre, d’altra parte, odiava Manna sin dal primo giorno che mi ha visto indossare l’auricolare nel ristorante. Lui e la mamma erano venuti a pranzo e per dire ciao. Sapevo che stavano venendo, quindi ho chiesto una delle pause concesse da Manna così ho potuto sedersi con loro per qualche minuto. Quando mi sono seduto, mio ​​padre ha notato l’auricolare.

“Così”, disse, “vi controllano tutti tramite cuffiette. È un passo avanti o un passo indietro?”

“Non è una semplice cuffietta” ho risposto, “si tratta di un nuovo sistema che hanno installato chiamato Manna. Gestisce il negozio.”

“Come fa?”

“Mi dice cosa fare attraverso l’auricolare.”

“Chi, il manager?”

«No, è un computer”.

Mi guardò per un lungo periodo, “Un computer ti dice cosa fare sul posto di lavoro? E allora che cosa fa il manager?”

“Il computer è il manager. Manna, direttore, capito?”

“Vuoi dire che un computer ti dice cosa fare tutto il giorno?», Chiese.

“Sì.”

“Tipo cosa?”

Gli ho dato un esempio, “Prima di essere arrivato qui, stavo portando fuori la spazzatura. Manna mi ha detto come si fa.”

“Che cosa diceva?”

“E ti dice esattamente cosa fare. Ad esempio, mi ha detto di prendere quattro nuovi sacchetti dalle scorte. Quando l’ho fatto, mi ha detto di andare nel cestino numero 1. Una volta che sono arrivato mi ha detto di aprire l’armadietto e tirare fuori il cestino. Una volta che l’ho fatto, mi ha detto di controllare il pavimento per i detriti. Poi mi ha detto di legare il sacchetto e metterlo di lato, a sinistra. Poi mi ha detto di mettere una nuova borsa nella latta. Poi mi ha detto di fissare la borsa al bordo. Poi mi ha detto di mettere la può tornare e chiudere il gabinetto. Poi mi ha detto di pulire il mobile e assicurarsi che sia senza macchia. Poi mi ha detto a spingere il pulsante di aiuto sulla lattina per assicurarsi che funzioni. Poi mi ha detto di spostarmi nel cestino 2. Funziona così. ”

Mi guardò per un lungo periodo di tempo ancora prima che lui disse: “Buon Dio, tu sei altro che un pezzo di un robot. Che cosa ti dice adesso?”

“Mi ha appena detto che ho tre minuti alla fine della mia pausa. E mi ha detto di sorridere e dire ciao agli ospiti. Proprio così? Ciao!” E gli ho fatto un grande sorriso a trentadue denti.

“Ieri il popolo controllava i computer. Ora i computer controllano le persone. Voi siete gli occhi e le mani di questo robot. E tutto in modo che Joe Garcia può fare $ 20 milioni per anno. Sapete che cosa accadrà se questa si diffonde?”

“No, non lo so. E penso che il signor G prende più di $ 20 milioni l’anno. Ma in questo momento ho due minuti alla fine della pausa, e Manna mi dice che ho bisogno di tornare in stazione 3 per prepararmi per il prossimo giro. Ci vediamo. ” Salutai la mamma. Papà appena mi fissò.

I test nel nostro negozio Burger-G erano un sorprendente successo. C’erano ispettori che controllavano ogni tanto, correggendo i bug nel software, assicurandosi Manna stava funzionando su tutto, ed erano contenti. Ci sono voluti circa 3 mesi per sciogliere tutti i nodi, e per come era fatto il software Manna, ha totalmente cambiato il ristorante. I camerieri lavoravano il doppio. E anche i clienti erano più contenti. L‘esperienza del cliente era più consistente. I bidoni della spazzatura non rano mai troppo pieni. I bagni erano notevolmente puliti. I dipendenti lavavano sempre le mani quando ne avevano bisogno. Il cibo era pronto più in fretta. I pasti che abbiamo distribuito sono stati quasi il 100 per cento accurati perché Manna ci faceva controllare per assicurarsi che ogni elemento della borsa era esattamente ciò che il cliente aveva ordinato. Il negozio non ha mai esaurito le forniture – c’erano sempre un sacco di tovaglioli nel dispenser e il contenitore del ketchup era sempre pieno. C’erano abbastanza dipendenti del negozio per le ore di punta, perché Manna potrebbe monitorare con precisione le tendenze e personale adeguatamente.

Inoltre, Burger-G ha risparmiato un sacco di soldi. Burger-G aveva centinaia di negozi negli Stati Uniti. Manna aveva funzionato così bene che Burger-G lo ha distribuito in tutta la nazione. Presto Burger-G aveva tagliato più di 3.000 dei suoi più costosi dipendenti del punto vendita – per lo più dirigenti e assistenti. Questo cambiamento ha risparmiato all’azienda quasi $ 100 milioni di dollari l’anno, e tutti quei soldi sono venuti direttamente in cassa alla catena di ristoranti. Gli azionisti erano in estasi. Lo stesso signor G si diede un altro grosso aumento per festeggiare. Inoltre, Manna aveva ottimizzato il personale e aveva ottenuto un significativo aumento della produttività di dipendenti del negozio. Che ha fatto risparmiare qualcosa come $ 150 milioni. $ 250.000.000 fanno una differenza enorme nel settore fast food.

Così, la prima ondata di robot nei fast food non ha sostituito tutti i dipendenti gira hamburger come tutti avevano previsto. I robot hanno sostituito i piccoli capi e migliorato significativamente le prestazioni dei dipendenti con salari minimi. Tutte le altre catene di fast food hanno guardato l’esperimento Burger-G con Manna da vicino, e hanno cominciato l’installazione di sistemi Manna pure loro. Ben presto, quasi tutte le imprese in America, che aveva una gruppo significativo di dipendenti con salario minimo hanno iniziato l’installazione di software Manna o qualcosa di simile. Hanno dovuto farlo per poter competere.

In altre parole, Manna si è diffuso attraverso il panorama aziendale americano a macchia d’olio, e stava iniziando anche all’estero. Mio padre aveva ragione. E ‘stato quando tutti questi nuovi sistemi Manna hanno cominciato a parlare tra di loro che le cose hanno iniziato a diventare brutte.

Testo tradotto in maniera semiautomatica (250 parole cambiate su 2300)da Google Translate da Manna di Marshall Brain marshallbrain.com/manna1.htm
Ho tradotto il primo capitolo sperando di poter rendere più accessibili le sue idee.